DAL DEFLUSSO MINIMO VITALE AL DEFLUSSO ECOLOGICO


DMV_DE4
.pdf
Download PDF • 475KB

Nel 2015 la Commissione Europea (CE) pubblicava le Linee Guida n. 31 riguardanti “Il deflusso ecologico nell’attuazione della Direttiva Quadro Acque” finalizzata a definire, per i corpi idrici superficiali naturali, il regime idrologico coerente con il raggiungimento degli obiettivi ambientali fissati dalla Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE (DQA) (European Commission, 2015).

Nel corso dello stesso anno la CE aveva avviato la procedura EU Pilot 7304/15/ENVI per assicurarsi che l’Italia adottasse il 2° ciclo del Piano di Gestione delle Acque (PGA) come previsto dalla DQA.

In precedenza, nel 2014, la CE aveva inoltre avviato la procedura EU Pilot 6011/14/ENVI sull'eccessivo sfruttamento nei corpi idrici in Italia e la non corretta applicazione della DQA e delle Direttive Habitat e VIA in relazione agli impianti idroelettrici.

E’ noto che le procedure EU Pilot sono prodromiche, laddove il riscontro non fosse adeguato, all’avvio di procedure di infrazione vere e proprie.

Due anni dopo, nel 2017, il Ministero dell’Ambiente (MATTM), Direzione Generale per la Salvaguardia del Territorio e delle Acque, emanava due fondamentali Decreti Direttoriali (DD) finalizzati a definire nuovi criteri di regolazione e gestione quantitativa delle acque:

- Il DD n. 29/STA del 13 febbraio 2017 (successivamente integrato e modificato dal DD n. 293/STA del 25 maggio 2017), relativo all’approvazione delle linee guida per le valutazioni ex ante delle derivazioni idriche in relazione agli obiettivi di qualità ambientale dei corpi idrici superficiali e sotterranei” (D.D.29, 2017).

- il DD n. 30/STA del 13 febbraio 2017, contenente le “Linee Guida per l’aggiornamento dei metodi di determinazione del Deflusso Minimo Vitale al fine di garantire il mantenimento, nei corsi d’acqua, del deflusso ecologico a sostegno del raggiungimento degli obiettivi ambientali ai sensi della Direttiva 2000/60/CE” (D.D.30, 2017).

Successivamente i DD n. 209 e n. 2010 del 9 maggio 2017 istituivano i Tavoli Tecnici Nazionali relativi rispettivamente alle valutazioni ambientali ex ante e al deflusso ecologico. Ai tavoli partecipavano, oltre ai rappresentanti del Ministero, anche quelli dell’ISPRA e delle Autorità di Bacino Distrettuali.


Per leggere il documento intero, si prega di cliccare sul documento allegato

Notizie recenti
I post stanno per arrivare
Restate sintonizzati...
Cerca per categoria
Seguici
  • Facebook Black Square
  • Twitter Black Square
  • LinkedIn - Black Circle

Gruppo 183 ONLUS

Via Pannini n.5, 00196 Roma 
email: info@gruppo183.org 
CF 06820791009